Site Overlay
Battuto in vasetto

Battuto in vasetto

Preparazione di base

 

Quando la mia nonna andava dall’ortolano chiedeva la dote, cioè il battuto in vasetto che vi propongo oggi.

Gli ingredienti sono poveri, eppure sono quelli a dare vero gusto a sontuosi e fumanti brodi, profumati brasati e goduriosi ragù!

Generalmente si tratta di cipolla, bianca o dorata, carota e sedano a cui si aggiungono, a seconda delle preparazioni, spezie e erbe aromatiche.

Spesso si dice “steccare la cipolla con i chiodi di garofano” che significa semplicemente infilzarla con questa spezia molto aromatica.

Haimè, mi piacciono moltissimo i chiodi garofano, ma li trovo indigesti e non amo particolarmente il sedano.

Per queste ragioni tendo a non comprare i battuti di verdure già pronti, ma a preparare una mia versione un pò piccante, un pò fiorita.

Se hai abbondanza di carote buone, ti propongo la ricetta della torta di carote e nocciole perchè anche nella versione dolce sono buonissime!

Ricetta del battuto in vasetto

Battuto in vasetto

 

Per un vasetto da circa 100 g
  • cipolla rossa, 25 g
  • scalogno, 50 g
  • carote, 70 g
  • sedano verde, 30 g
  • brodo vegetale, un mestolo (anche preparato con il granulare)
  • sale, peperoncino in fiocchi, olio evo, q.b.
  • foglie di nasturzio e sedano, un mazzetto
  • cognac, un goccio per sfumare
Esecuzione

Preparare il battuto in vasetto ci permette di dosare gli ingredienti secondo il nostro gusto e di conservarlo in dispensa senza sprechi.

Quella che propongo è una conserva sottolio e perciò, una volta aperto, il vasetto dovrà essere conservato in frigorifero.

Ci occorrerà perciò un vasetto pulito e sterilizzato, spiego come fare nella ricetta della pasta di nocciole.

Portiamo il brodo a bollore e manteniamolo così, intanto laviamo le verdure e tagliamole a dadini.

Versiamo in una padella un filo d’olio, il peperoncino e le verdure tagliate poi accendiamo il fuoco e manteniamolo allegro.

Mescoliamo per evitare che brucino e sfumiamo con il cognac poi lasciamo evaporare l’alcol e abbassiamo il fuoco.

Aggiungiamo ora il brodo caldo, mettiamo il coperchio e lasciamo cuocere le verdure che dovranno essere morbide, ma non sfatte.

Assaggiamo e, se necessario, aggiustiamo di sale poi spegniamo il fuoco e lasciamo intiepidire.

Tritiamo le foglie di nasturzio e sedano e mescoliamo al battuto, poi usando un cucchiaio versiamolo in un vasetto.

Non arriviamo fino all’orlo, ma lasciamo circa mezzo cm, poi versiamo l’olio a filo fino a coprire le verdure.

Chiudiamo il vasetto e siamo pronti per la sterilizzazione, ma se pensiamo di usare subito il battuto in vasetto, possiamo conservarlo in frigorifero per 3 o 4 giorni.

 

Sterilizzare i vasetti

Una volta riempiti, puliamo bene il bordo, chiudiamo il coperchio e mettiamoli in una pentola sul cui fondo avremo messo uno straccio.

Consiglio di mettere anche altri stracci fra un vasetto e l’altro così da evitare che durante la bollitura si rompano urtando fra loro.

Copriamo con acqua fredda fino a due dita sopra i coperchi, portiamo l’acqua a bollore e dopo mezz’ora i vasetti saranno sterilizzati.

A uno a uno, i coperchi emetteranno un caratteristico “pop” che ci dirà che il sottovuoto e perfetto.

Come usare questa preparazione

Il battuto in vasetto è un’ottima base per sughi, anche vegetariani o ci si può condire il polpo cotto in insalata.

Con qualche pomodorino può diventare una bruschetta e frullato grossolanamente può farcire il toast.

Vuoi farmi sapere come lo useresti? Scrivi un commento qui sotto oppure sotto il relativo post su instragram.

Alla prossima ricetta fiorita,

 

Aly

Battuto in vasetto

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.